Alessandro Mendini

(Milano, 1931 – 2019)

Alessandro Mendini si laurea al Politecnico di Milano, e inizia la sua carriera presso lo studio di Marcello Nizzoli dove lavora fino al 1970.
Dirige le riviste Casabella (1970-1976), Modo (1977-1979) e Domus (1979-1985/2010-2011). Nel 1973 è tra i fondatori di Global Tools, collettivo partecipe dell’esperienza del Radical Design opponendosi fortemente alla tradizione. Nel 1979 co-fonda studio Alchimia, con il proposito di creare oggetti ispirati alla cultura popolare e al kitsch, estranei ai parametri di funzionalità legati alla produzione industriale.
Nel 1981 partecipa alla prima collezione del gruppo Memphis con il mobile bar futurista Cipriani. Nel 1989 apre l’Atelier Mendini a Milano: realizza oggetti, mobili, ambienti, quadri, installazioni, edifici e collabora come designer e consulente per diverse aziende a livello internazionale.
È stato professore di design presso la Universität für angewandte Kunst di Vienna e professore onorario presso la GAFA Guangzhou Academy of Fine Arts in Cina. Ha organizzato diverse mostre e seminari in Italia e all’estero e le sue opere sono esposte in musei di tutto il mondo. Nel 2014 ha ricevuto il suo terzo Premio Compasso d’Oro ADI alla Carriera.